demo

Paolo Belardo nasce a Napoli il 2 giugno del 1969, giorno della festa della Repubblica, da padre radiotecnico e madre casalinga. Quarto di 5 fratelli si appassiona alla musica in genere, grazie al fratello maggiore armato di giradischi...Che diffondeva musica ovunque. Paolo cresce nel mito di Nino D'Angelo, dei Pooh ma sopratutto del grande Eros, suo modello come artista e musicista, la sua prima esibizione nelle classiche feste familiari e non, ma la stanza da letto era il suo studio musicale, nel 1986 frequenta lezioni di tecnica e canto e grazie al suo maestro debutta nelle cerimonie, ma nel 1988 la chiamata alle armi non lo preoccupa più di tanto. Farà infatti parte del corpo nazionale dei vigili del fuoco, nel quale da lì a poco si ritroverà nel coro nazionale  con esibizioni nelle varie cattedrali, risultando l'unico rappresentante della città di Napoli. Nel 1990 inizia le varie manifestazioni canore ottenendo  buoni piazzamenti.. Nel corso degli anni '90 conosce Nino Minieri, vecchia gloria del giro festival anni '70, una voce impressionante. Gli sarà molto utile perché estrarrà dall'addome di Paolo davvero una buona voce, e non solo: lo fa debuttare nelle TV private locali, nonche, nel festival di Chianciano Terme categoria cantautori. Nel 2001 grazie alla sua passione per il compianto Massimo Troisi, decide di tirar fuori dal cassetto un testo scritto all'indomani della scomparsa del suddetto artista. Oggi è una realtà: "L'ultimo ciak" è il titolo della canzone in merito, che apre il suo cd, primo in assoluto come cantautore, con la quale parteciperà al Festival di Napoli su rete 4 ottenendo il pass per le semifinali. Dopo vari festival,Paolo conosce, grazie alla scuola ITIS "Da Vinci", in quel di Napoli, la prof. Varriale non che' brava regista, gli parla di teatro e da quel momento si aprono vari scenari, come quello del debutto in teatro con lo spettacolo "È sempe 'na via crucis". Ne seguiranno altri ma l'emozione della prima volta fece si' che si accendesse in lui la passione per il teatro, al quale dedica quasi tutto il suo tempo artistico in virtu' di nuovi progetti, con la prospettiva di scrivere un musical sul grande Massimo Troisi per poter debuttare anche come scrittore e regista teatrale. Paolo ha provato anche l'emozione della cinepresa, recitando nelle fiction in onda su Rai 3 "La squadra", "Un posto al sole", nel cortometraggio “Ipazia d’Egitto” partecipante al concorso “Cortometraggi Salerno” e sul grande schermo con il film di Marco Risi "Fortapàsc", nel film "Dove eravamo rimasti?"  con Riky Tognazzi, e nel Film "L'oro di Scampia" con Beppe Fiorello, ma non dimentica mai quella stanzetta da letto ove inizia a scrivere e suonare tutte le sue canzoni che sono l'essenza dell'arte. Nel giugno del 2010 si avvera il sogno: debutta come autore e regista nel musical dedicato al grande Massimo Troisi dove alla prima registra un clamoroso "Sold out".  Il primo musical scritto e diretto da lui, un successo indelebile nella sua nascente carriera in cabina di regia e sceneggiatore. Da quel momento Paolo, oltre a scrivere nuove sceneggiature per i suoi Musical, inizierà a curare anche la produzione. Nel gennaio del 2011 forma la sua prima compagnia: “I Sognatori”, un gruppo di 30 ragazzi a cui Paolo porterà la sua esperienza ed insegnerà canto e recitazione per poi portarli nel giugno successivo al musical diretto ed interpretato sempre da lui, “Scugnizzi alla cittadella”, che registrera’ due "Sold out" nelle due serate in scena. Nel Gennaio del 2014 dalle ceneri della vecchia compagnia teatrale "I Sognatori" fà nascere una nuova compagnia teatrale dal nome:  " SORRISITEATRALI "

Nel Giugno 2014 in occasione del ventennale della scomparsa del grande Massimo Troisi, manda in scena nuovamente il musical a Lui dedicato "L'ultimo ciak...il Grande Attore" in una nuova versione, registrando 588 spettatori (due Sold out), con il patrocinio del comune di San Giorgio a Cremano, un grande successo sia di critica che di pubblico, tanto da finire sotto i riflettori dei media, ed alla ribalta delle radio e carta stampata.

Il 14 Febbraio 2018 assume l'incarico di "Direttore Artistico" presso il Teatro De Rosa, come organizzatore e responsabile di rassegne teatrali amatoriali.

 

Vari "colori" artistici, che dipingono il quadro della sua carriera... 

IL suo motto è: “ Una gioia CONDIVISA è una gioia DOPPIA! "

(Staff)